FACCE DA CHEF: Renato Rizzardi

A tavola in compagnia dello Chef della Locanda di Piero, Montecchio Precalcino (VI)

« Io nell’epoca degli chef mi definisco un cuoco » queste le parole di presentazione di Renato Rizzardi, il “cuoco”, nonché proprietario, del Ristorante vicentino La Locanda di Piero di Montecchio Precalcino.

Se lo chef è colui che comanda la brigata « il cuoco è colui che studia, approfondisce, prova e riprova, gusta » argomenta Rizzardi durante l’intervista con il ns Direttore. Passione, studio, ricerca e cultura sembrano essere le prerogative chiave di un buon ristorante: saranno queste le qualità a cui La Locanda di Piero deve il suo successo?

chef Renato Rizzardi in cucina.
Renato Rizzardi – Chef della Locanda di Piero

Per un cuoco è bello poter sperimentare senza vincoli, sentirsi libero di provare:  nel proprio ristorante si vince o si fallisce, in entrambi i casi è necessario credere nelle proprie idee. Ci chiediamo… in una zona ricca di ristoranti stellati come Vicenza,  è facile che questo titolo possa rappresentare, per quanto prestigioso, una restrizione a queste idee?

Può essere. Alla Locanda di Piero, però, l’aver raggiunto tale traguardo ha in realtà fatto prendere maggiore coscienza di quello che « si vuole fare da grandi » . La chiave non è tanto lavorare in funzione di un riconoscimento, ma farlo in funzione del cliente.

Secondo lo chef « la gente deve stare bene ». La cucina, ma soprattutto, l’accoglienza in sala dev’essere a misura d’uomo ed in funzione di esso perché l’ospite viene come prima cosa ricevuto, solo in seguito degusta. La sua definizione di ristorante è « una sfera ad occhio d’ape » piena di sfaccettature, tutte ugualmente importanti: dal servizio in tavola alla materia prima, dal servizio del vino al sorriso che accoglie. E’ così che la sala diventa in qualche modo l’ambasciatrice della cucina.

Questione di Cultura!

Forse un po’ coinvolto ed influenzato dal bellissimo contesto in cui si colloca la sua Locanda, a pochi passi dalla Villa Forni Cerato del Palladio, questo “cuoco” d’eccezione racconta la sua idea di “cultura gastronomica”. Inizialmente questa può sembrare effimera al momento dell’assaggio ma dietro, in realtà, vi è un lavoro di vera conoscenza.

L’obbiettivo di Renato Rizzardi in cucina, in particolare modo negli ultimi anni,  è la riscoperta delle tradizioni culinarie e la loro rivisitazione. « E’ bello mettersi alla prova con i piatti importanti ma è bello anche valorizzare la tradizione che per quanto semplice, se fatta bene, è eccezionale » conferma.

chef Renato Rizzardi ed il trofeo tagliapietre 2018
Renato Rizzardi – Trofeo Tagliapietra 2018

E’ un esempio di riuscita il Trofeo Tagliapietra ottenuto nel 2018 alla 9^ Edizione del Festival Triveneto del Baccalà, assegnato proprio ad uno dei piatti emblema vicentini: il “100% stoccafisso” di Renato Rizzardi. « Anche una cucina semplice può essere di alto livello »  è proprio il caso di dirlo.

L’ iniziativa sostiene inoltre la ricerca di nuove ricette che possano diventare, come dire… le nuove classiche, proposta in cui particolare attenzione viene data anche ai giovani. Avvicinare i giovani al gusto dei ristoranti high level, proponendo loro ricercatezza ma a prezzi abbordabili, è l’obbiettivo di un altro dei progetti a cui La Locanda di Piero ha aderito, a livello europeo. 

Parliamo di Tavola 25, iniziativa di JRE – Jeunes Restaurateurs, che offre ai giovani Under 25 la possibilità di non rinunciare (anzi!) alla qualità stellata, a prezzi contenuti. Come non approfittarne?

Vi lasciamo alle parole di Renato Rizzardi e del ns Direttore, che sapranno meglio raccontarvi cosa significa mangiare alla Locanda di Piero

Intervista del Direttore allo Chef Renato Rizzardi, Locanda di Piero.

La bellezza sta anche nelle più piccole e semplici cose, noi di Venezie Channel ci crediamo: e Voi?

RELATED ITEMS
One thought on “FACCE DA CHEF: Renato Rizzardi
  1. Magnifica La locanda di Piero ! Grande il cuoco , piatti squisiti innovativi ,ottimo servizio ! Posto dove si ritorna sempre molto volentieri .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend