Festival Ruskino: al via online la decima edizione

Il cinema non si ferma!

Nonostante le regole imposte dai DPCM degli ultimi mesi, che hanno di nuovo sbarrato le saracinesche dei nostri punti di ritrovo preferiti, le rassegne vanno avanti, senza perdere un appuntamento, rinnovandosi in un nuovo concept totalmente online.

Vale anche per l’attesissima decima edizione del Festival Ruskino, la rassegna di cinema russo contemporaneo – organizzata annualmente dal Centro studi sulle Arti della Russia (CSAR) dell’Università Ca’ Foscari di Venezia e dal Centro dei Festival Cinematografici e dei Programmi Internazionali della Federazione Russa – che promuove e diffonde le produzioni cinematografiche dell’Est.

Una home edition tutta virtuale

Rinnovare l’impegno, nonostante le circostanze, e garantire totale sicurezza: il compromesso scelto per soddifare entrambe le esigenze è stato quello di rivoluzionare la rassegna di sempre in un formato web, in modo da rendere possibile l’accesso direttamente dallo smartphone, restando nel proprio comfort domestico.

La cerimonia di inaugurazione è prevista per il 14 Dicembre alle ore 17 e proseguirà con una maratona streaming di pellicole scelte dal canale YouTube ufficiale CSAR: una selezione accurata dei film proiettati durante le edizioni precedenti. A cornice, il 18 Dicembre, i saluti finali; tutto sarà fruibile tramite piattaforma Zoom.

Festival Ruskino 2020, locandina

I film in programmazione sono tanti:

  • La fine di una bella era“, di Stanislav Govorukhin;
  • Rock” di Ivan Shakhnazarov;
  • Due donne“, di Vera Glagoleva;
  • Seppellitemi dietro il battiscopa“, di Sergej Snezhkin;
  • Amore in URSS“,”Il corriere” e “L’assassino dello zar“, di Karen Shakhnazarov;
  • L’ascesa“, di Larisa Shepitko;
  • Va’ e vedi“, di Elen Klimov;
  • Pioggia di luglio“, di Marlen Chuciev;
  • Ancora un anno“, di Oksana Byčkova, a chiusura.

Naturalmente, tutte le pellicole saranno proiettate in lingua originale, sottotitolate in italiano, e precedute da una presentazione ad hoc preparata dallo staff CSAR.

Un’occasione importante per avvicinarsi al cinema russo attraverso opere realizzate non solo da registi famosi (come Karen Šachnazarov), ma anche da giovani autori emergenti: in particolare, durante questa edizione 2020, verranno presentati alcuni cortometraggi di artisti russi contemporanei.

Una realtà importante e densa di opportunità

La prima edizione del festival risale al 2011 e, già ormai da sei anni, viene regolarmente bandito anche il concorso per la migliore sottotitolazione in italiano di film russi di recente produzione per gli studenti cafoscarini: i vincitori vedono proiettate le relative pellicole in anteprima durante Ruskino, inserite nel circuito dei festival italiani promosso dal Centro dei Festival Cinematografici e Programmi Internazionali.

Dal 2016, inoltre, il concorso è stato aperto anche agli studenti delle scuole superiori all’interno dei progetti Alternanza Scuola-Lavoro/PCTO (Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento). Persino quest’anno, durante l’emergenza Covid, l’adesione è stata numerosa: più di 100 studenti, infatti, sono attualmente impegnati nel progetto, lavorando a distanza, sfruttando la possibilità di alcuni workshop online per imparare ad utilizzare i software necessari per la creazione dei sottotitoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend