Riveder le stelle, le ragioni della Memoria

“E quindi uscimmo a riveder le stelle” è l’evento concerto conclusivo della mostra “Il volo di Angelo” allestita al Centro Culturale “Casa Riese” di Riese Pio X. E’ in programma per venerdì 7 febbraio 2020 a partire dalle ore 20.30. Una serata particolare, che ci ha toccato il cuore già con il titolo.

Il volo di Angelo

La mostra ripercorre la sorte di Angelo Gatto, miracolosamente sopravvissuto ai lager nazisti. Giunta alla chiusura, Luis Lanzarini al sassofono e Damiano Lazzaron al sintetizzatore, proporranno e rivisiteranno le musiche di autori antichi e contemporanei (gregoriano, Sollima, Fauré, giusto per citarne alcuni), introdotti dalla voce recitante di Giovanna Camil. Musiche non a caso ma scelte appositamente per risvegliare una volta di più la Memoria. A partire dal titolo.

“E quindi uscimmo a riveder le stelle” è infatti un verso della Divina Commedia di Dante. Per l’esattezza, il 139° del canto XXXIV dell’Inferno.

Dante, insieme a Virgilio, sono nel nono girone dei traditori: è il fondo dell’Inferno, dove un lago è ghiacciato e gli ambienti sono quattro, uno per tradimento. Dante e Virgilio attraversano quello della Giudecca, cioè dei benefattori ai quali era affidato il compito della felicità e della salvezza umana. Qui incontrano Lucifero, impegnato a trucidare i massimi peccatori dell’umanità. Una volta fuggiti dalle sue grinfie, escono dalla grotta e “quindi uscimmo a riveder le stelle”: i viaggiatori sono finalmente all’aperto e sollevati dal rivedere la luce.

La guerra è finita. La minaccia del nazismo è spenta, nonostante la tremenda e incomprensibile miccia di orrori e torture che ha bruciato per sempre migliaia di vite. La notte infernale è passata. E’ tempo di un nuovo giorno, protetto dalla luce buona delle stelle. E’ tempo di ritornare a vivere nella normalità.

Info utili

E quindi uscimmo a riveder le stelle, le ragioni della memoria

E quindi uscimmo a riveder le stelle

Casa Riese Via Don Gnocchi, 5

Riese Pio X

Tel. 0423 753122

Ingresso Responsabile

Luis Lanzarini, sassofono

Luis Lanzarini E Quindi uscimmo a riveder le stelle
Luis Lanzarini

Apprezzato come solista e direttore, si è diplomato in sassofono con lode e ha studiato Organo e Composizione Organistica presso il Conservatorio “Steffani” di Castelfranco V.to.

Vincitore di numerosi concorsi nazionali ed internazionali, ha all’attivo concerti in Italia, Russia, Stati Uniti, Brasile, Australia, Lituania, Slovenia, Croazia e Città del Vaticano, esibendosi in rassegne quali il “Ravenna Festival”, il XVIII World Saxophone Congress, lo “Stage Internazionale del Sassofono”, il Festival “Siberia-Asia-Europa”, il “39th US Navy Band International Saxophone Symposium”.

Fa parte del MAC Saxophone Quartet con il quale ha fondato due festival sassofonistici.

Ha inciso per EMI, ArteSuono, Audio Records, Diastema.

Ha collaborato inoltre con artisti quali “Elisa”, “The Kolors”, C. Porter, L. Cottifogli e V. Sivilotti, esibendosi su RAI, Mediaset – Canale 5 e Sky.

E’ direttore dell’orchestra “I Virtuosi della Marca” e dell’“Ensemble Chiostro Armonico”.

Tiene regolarmente masterclass e corsi di perfezionamento in Italia e all’estero, in particolar modo presso il Conservatorio di Castelfranco ed il “D. Hvorostovsky Siberian State Institute of Art” di Krasnoyarsk.

E’ artista endorser D’Addario.

Damiano Lazzaron, sintetizzatore

Damiano Lazzaron E Quindi Uscimmo a Riveder le Stelle
Damiano Lazzaron

Ha conseguito presso il Conservatorio “A. Steffani” di Castelfranco Veneto con il massimo dei voti il diploma, la laurea di secondo livello in pianoforte e il diploma di armonia contrappunto fuga e composizione. Presso l’Università “Ca’ Foscari” di Venezia ha conseguito la laurea in “Musica e Spettacolo” con il massimo del punteggio.

Ha vinto 17 primi premi in diversi concorsi internazionali di pianoforte e composizione. 

Ha collaborato con Loretta Grace, Cheryl Porter, Massimo Somenzi, Claudio Ambrosini, Gabriel Senanes, David Childs, Frédéric Olivieri, Paolo Nuti.

Le sue composizioni sono state pubblicate dalle case editrici Armelin Musica, Sconfinarte e Carrara. 

Ha insegnato presso i Conservatori “G. Tartini” di Trieste e “G. Frescobaldi” di Ferrara.

Le sue composizioni sono state eseguite in prestigiosi festival musicali sia in Italia che all’estero.

Attualmente è docente e collaboratore Erasmus presso il Conservatorio “A. Steffani” di Castelfranco Veneto.

Leggi anche…

Il Giorno della memoria a Venezia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to a friend